home

Andrija Medulić Schiavone


Andrija Medulić Schiavone / Andrea Medolla Schiavone (Zara 1510/1515 – 1563) pittore e grafico rinascimentale, uno dei rappresentanti più importanti del manierismo italiano.

Andrija Medulić Schiavone / Andrea Medolla Schiavone (Zara 1510/1515 – 1563) pittore e grafico rinascimentale, uno dei rappresentanti più importanti del manierismo italiano.

 

Contemporaneo di Julije Klović operò prevalentemente a Venezia. La sua opera rappresenta una vera rivoluzione dal punto di vista dei colori anche se un riconoscimento completo gli sarebbe stato riconosciuto solo nel XVII secolo. Nei suoi disegni e calcografie si avverte un forte influsso di Parmigianino di cui probabilmente fu discepolo a Bologna o a Parma. A Venezia Medulić fu uno dei più grandi rappresentanti della pittura manieristica e verso la metà del XVI secolo ebbe una grande influenza sui giovani Tiziano e Tintoretto.

 

Fu uno tra i primi pittori in Italia a disegnare i paesaggi autonomi. Faceva diversi disegni, calcografie, affreschi e oli su tela. Introdusse nella calcografia una nuova tecnica puntasecca. Con una dinamica forte delle figure e particolari effetti della luce, fu riconosciuto come una delle personalità più suggestive del Cinquecento italiano. Oggi le sue opere vengono custodite nei musei e nelle gallerie più famose del Mondo tra cui il Kunsthistoriches Museum di Vienna, gli Uffici ed il Palazzo Pitti di Firenze, a Venezia ma anche nel fondo della Biblioteca Nazionale Universitaria di Zagabria. Tra le sue opere più famose ricordiamo “Sposalizio del Doge con il Mare” esposta nella chiesa di San Marco a Venezia.

 

Gli storici dell’arte sono ancora però alla ricerca delle informazioni necessarie per ricostruire la vita di questo grande pittore. I suoi quadri non sono firmati e solo alcune calcografie portano il nome del grande maestro o semplicemente un suo monogramma. Oggi non sappiamo né l’anno esatto della sua nascita né il suo vero nome, per questo motivo gli storici nel corso della storia furono obbligati ad utilizzare, Medolla e Schiavone. E’ quindi molto difficile fare una ricostruzione esatta della cronologia della sue opere e attribuire univocamente le singole opere al pittore.

 

Nella letteratura scientifica viene sempre indicato che il pittore è nato tra il 1510 ed il 1515 a Zara il che è confermato anche dal suo testamento del 1563. Che Medulić abbia lavorato a Venezia prima del 1540 è testimoniato da Giorgio Vasari, pittore, architetto e scrittore italiano, nella sua opera biografica dei pittori (Vite de’ più eccellenti architetti, pittori, et scultori italiani). Medulić morì a Venezia il 1 dicembre 1563.

 

La versione croata del cognome Medulić viene introdotta da Ivan Kukuljević Sakcinski, senza avere basi scientifiche certe, che interpretò erroneamente un documento archivistico. Tuttavia quel nome si sarebbe poi affermato nella letteratura croata. Le ricerche degli storici zaratini basate su documenti archivistici dal 1459 al 1505 comprovano che la famiglia del pittore provenisse dalla piccola città Medolla vicino a Forli in Romagna, da dove poi si sono trasferiti a Zara probabilmente a causa dello espletamento del servizio militare della Serenissima del padre. Tutti i suoi cugini originari di quel piccolo paese posseggono, sotto varie forme, lo stesso cognome “de Medula”, “da Medola”, “de Medolla”, “de Medola” oppure “de Meldola”.